Vai alla scheda dell’autore
Laura Carnemolla e Claudia Francisetti

"Cross the Border"


cross the border
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 36

Formato: 22x15 cm

Data di pubblicazione: 14-01-2016

Testi di: Francesca Canfora, Cristina Marinelli, Laura Carnemolla, Claudia Francisetti

Lingua: Italiano

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 16.00

Acquista Libro

CROSS THE BORDER
a cura di Laura Carnemolla e Claudia Francisetti

N.I.C.E. Exhibition Project - II Edizione 2015
Paratissima 11 - Torino Esposizioni

Ignazio Fresu - Fausto Segoni - Rica Cerbarano - Antonio Conte - Marco Groppi - Monica Pirone - Remo Giombini - Enrico Rinaldi - Enrico Doria - Groshgrup - Claudia Francesia - Erjon Nazeraj - Anemos

"Da millenni l’uomo attraversa la terra. Come molti altri animali, quando l’ambiente in cui vive non è più in grado di soddisfare le sue necessità, si sposta. La storia della specie umana potrebbe essere raccontata attraverso quest’unico filtro, la ricerca costante di zone meno ostili, più fertili e ricche, in risposta alla necessità ancestrale di conservazione della vita e della specie.
Oggi le migrazioni umane sono mosse da motivazioni e meccanismi economici, politici e sociali molto complessi. Spinti verso l’esterno da fattori contingenti e attratti da una meta idealizzata, milioni di persone abbandonano il proprio paese alla ricerca di un lavoro migliore, di sicurezza, in fuga dalla guerra e della fame.
I “bei paesi” sono in realtà luoghi immaginati e immaginifici che si conformano diversamente a seconda del desiderio di ognuno. I loro confini si definiscono attraverso il racconto verbale e visivo di chi ha già compiuto il viaggio ed è sopravvissuto.
Nasce così la speranza, la volontà d’incidere sul proprio destino, di scegliere della propria vita malgrado l’ambiente, un atteggiamento profondamente rivoluzionario, che E. Fromm contrappone a quella maschera per la rassegnazione che è l’aspettativa.
Il viaggio, però, si rivela irto di pericoli, poiché a tanti è negata la possibilità di muoversi liberamente e legalmente.
Migliaia di persone, pur di non rinunciare al proprio sogno, si spostano in maniera clandestina, dando fondo ai propri averi, affrontando il deserto, le reclusioni, le torture, il mare, mettendo a repentaglio la propria vita. E’ un percorso ad ostacoli costellato di barriere, alle frontiere militari, politiche e burocratiche, si aggiungono quelle linguistiche e culturali, baratri profondi che possono rivelarsi insormontabili. Dall’altro lato del confine, si sta a guardare il flusso, “i viaggi dei disperati”, così li chiamano sui giornali, con un tono che sa di pena e di disprezzo.
L’accoglienza nell’emergenza ha le fattezze di un miraggio, ma si rivelano numerosi i limiti imposti alla vita del rifugiato o del migrante economico. La precarietà, la paura, lo sfruttamento, l’esclusione sono le armi più comuni con cui il paese ospitante si difende dallo straniero.
Ogni comunità necessita di definire se stessa in relazione a ciò che scarta, come ci ricorda Z. Bauman. In questo contesto, i migranti rappresentano le vittime collaterali e non pianificate del progresso economico. Nella cultura del disimpegno, della discontinuità e della dimenticanza in cui tutti siamo nel e sul mercato, al tempo stesso clienti e merce, quello che tutti temiamo è l’abbandono, l’esclusione, l’essere respinti, scaricati.
E mentre l’Europa Unita non riesce a gestire gli arrivi e si fa vera e propria fortezza, chiudendo le frontiere, respingendo indiscriminatamente, violando i trattati internazionali, Cross the Border vuole invitare a una riflessione sincera e profonda su questi eventi, sulle cause da cui sono generati e su quello che muovono nelle nostre vite, nelle nostre coscienze.
Non si può smettere di parlare ed è necessario fermarsi a riflettere, anche attraverso l’arte, su ciò che sta accadendo a poche miglia di distanza da quelle tiepide case dove viviamo sicuri." (dall'introduzione di Laura Carnemolla e Claudia Francisetti)

 

http://paratissima.it/x/n-i-c-e-exhibitions

 

 

CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin