Vai alla scheda dell’autore
Claudio Cravero

"PIERO GILARDI. L'uomo e l'artista nel mondo"


piero gilardi. l\'uomo e l\'artista nel mondo
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 64

Formato: 15x22 cm

Data di pubblicazione: 08-03-2013

Testi di: Orietta Brombin, Claudio Cravero

Traduzioni di Francis Cooper, graphic design ed impaginazione di Valentina Bonomonte ISBN 978-88-97677-18-5

Lingua: Italiano, Inglese

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 18.00

Acquista Libro

Questa pubblicazione intende raccogliere e documentare una serie di installazioni realizzate dal 2008 a oggi, alcune delle quali sono presentate nell’ambito della mostra al PAV: Piero Gilardi_Recent works 2008-2013. Il fil rouge di questa serie di lavori è iniziato nel 2008, quando - con l’apertura al pubblico del Parco Arte Vivente - si è per me concluso l’impegno totalizzante dello sviluppo, del finanziamento e della realizzazione di quello che, poco prima, era ancora soltanto un ambizioso progetto. È stato in ogni caso un impegno condiviso con il gruppo, che oggi definirei “storico”, dell’associazione culturale acPav e in particolare con Gianluca Cosmacini, Orietta Brombin, Valentina Bonomonte ed Enrico Bonanate. Inoltre, l’impegno profuso per la realizzazione di questa impresa ha assunto un ulteriore e preciso significato. Il lavoro ha infatti coinciso con un gran dispendio di energie, creative e relazionali, e in un certo senso “limitate” rispetto anche alla mia età. (...) Penso con consapevolezza culturale che questa serie di lavori non contenga un’innovazione estetico - linguistica, ma che sia semplicemente una riflessiva elaborazione concettuale dell’Arte del vivente o Bioarte, come si preferisce denominarla. Di fatto non ho sentito in me l’energia e la “linfa” per fare quel salto semiotico che tutti gli artisti della Bioarte hanno fatto, cioè di assumere quel medium artistico incandescente che è l’organico vivente, dal coniglio transgenico di Eduardo Kac ai funghi in decomposizione di Michel Blazy. (dalla prefazione di PIERO GILARDI)

This book aims to bring together and document a series of installations I have made since 2008, some of which are presented in the exhibition at PAV: Piero Gilardi_Recent works 2008-2013. The theme underlying this series of works began in 2008, when the Parco Arte Vivente opened to the public. For me, the lead-up had involved a total commitment to developing, financing and giving concrete form to something that, a short time before, had only been an ambitious plan. But it was a commitment shared with the group - I think we can say the “historic group” - of the cultural association acPav, and in particular with Gianluca Cosmacini, Orietta Brombin, Valentina Bonomonte and Enrico Bonanate. There was also another significance to the across-the-board commitment required to bring about this project: the work required a very considerable output of creative and relational energy that, in a sense, was “limited” by my age. (...) With cultural awareness, I believe this series of works does not contain any aesthetic-linguistic innovation, but is simply a reflective conceptual elaboration of Living Art, or Bioart as it is also called. I have not felt within me the energy, the “lymph” needed to make that semiotic step forward that all the artists of Bioart have made, that is to take that incandescent artistic medium that is the living organism, from the transgenic rabbit of Eduardo Kac to the decomposing mushrooms of Michel Blazy. (from preface by PIERO GILARDI)

CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin