The Others 2015 è staygold!

The Others è un progetto espositivo internazionale dedicato all’arte contemporanea emergente, giunto alla sua quinta edizione. I protagonisti di The Others sono tutti gli operatori, profit e no-profit, che lavorano continuativamente su programmi dedicati a giovani artisti: gallerie nate dopo il 1 gennaio 2009 e, indipendentemente dalla data della propria apertura, centri no-profit, associazioni e fondazioni, collettivi di artisti o curatori, artist-run-spaces, progetti editoriali, premi d’arte, residenze per artisti, scuole e accademie d’arte, librerie che si occupano di arte, spazi di design giovane ed autoprodotto, grafica d’artista che si incontrano a The Others per realizzare un focus sulla comunità globale dell’arte emergente. Una piattaforma espostiva unica nel suo genere, nata per riunire la molteplicità delle realtà che operano per la promozione degli artisti più giovani, realtà differenti per tipologia, obiettivi, programmi e mezzi espressivi – cui raramente sono dedicate iniziative di promozione collettiva – ma tutte accomunate dallo spirito di ricerca e di valorizzazione delle energie creative emergenti. Una significativa occasione di visibilità e al contempo un fondamentale luogo di incontro e di scambio di esperienze, contatti e progetti; confronti che sono alla base dello siluppo di network professionali e attivatori di virtuose sinergie fondamentali per la crescita dell’intero sistema artistico contemporaneo. Ideato per i giovani espositori in termini di qualità ed accessibilità, The Others è quindi un osservatorio privilegiato sulla creatività emergente internazionale, un luogo di proposta culturale accogliente, sperimentale, anticonvenzionale. Una sede affascinante – l’ex carcere Le Nuove – e orari di apertura serali – dalle 17.00 alle 01.00 – completano una formula che si è affermata come nuovo format di promozione dell’arte e al contempo offrire al pubblico il rinnovato piacere della scoperta delle voci più nuove e delle energie più prorompenti del panorama artistico. Dotata di una performing area allestita nell’affascinante teatro dell’ex-carcere – sede deputata per incontri, presentazioni, performances teatrali e musicali, proiezioni video, musica dal vivo e dj set – e di bar e punti ristoro organizzati negli ex laboratori che si affacciano sul giardino centrale, Le Nuove rappresentano l’imprescindibile luogo di incontro e ritrovo di tutti gli artlovers e del pubblico più giovane, il cuore pulsante della settimana dell’arte contemporanea torinese.

Rimanere puri, veri, fedeli a se stessi e ai propri ideali, integri nel corpo, saldi nello spirito, sempre in movimento, sensibili a ciò che accade attorno. Essere liberi, anticonformisti, sovversivi verso omologazioni o stereotipi. Provare a essere felici, positivi, creativi, cioè a stare bene, con se e con gli altri, con il mondo. C’è un modo per dire tutto ciò, un’espressione che è un mood, un progetto, una scelta. staygold è la suggestione di The Others 2015, da condividere con tutti coloro che ne faranno parte.

The Others 2015 propone come nella passata edizione le tre sezioni:
OtherScreenOtherStage e OtherSound. Le prime due sono dedicate al video e alla performance mentre la terza alla ricerca musicale; queste sezioni si svilupperanno secondo un calendario e un programma di proiezioni e live, performativi e sonori, durante i quattro giorni di manifestazione. Le gallerie partecipanti a The Others 2015 sono libere di proporre, senza alcun costo aggiuntivo, uno o più lavori dei propri artisti per ogni sezione. Le eventuali proposte che arriveranno entro il 4 settembre 2015 verranno esaminate dalla Direzione Artistica (Olga Gambari, in collaborazione con Roberta Pagani) e dal Comitato Scientifico (Stefano Riba, Liv Vaisberg e Pietro Gaglianò) che selezionerà i progetti più interessanti valutandoli in base a criteri di più alto profilo di ricerca, sperimentazione, qualità della proposta culturale e fattibilità tecnico-pratica. OtherScreen – è una sala di proiezione dedicata alla visione, un piccolo cinema temporaneo, dove ogni giorno si alterneranno video e film (per ciascun video proposto è richiesta scheda tecnica e una durata massima di 20’). OtherStage – trasformerà l’esedra sulla quale affacciano i corridoi espositivi in un teatro sempre aperto, trovando nell’architettura dello spazio un palcoscenico ideale per performance, azioni e talk. Le performance presentate dovranno prevedere un accadimento agile e di facile allestimento consentendo alle diverse azioni di accendersi e vivere in maniera inaspettata, in dialogo con lo spazio e la presenza del pubblico. Il programma di performance si svolgerà a cadenza di brevi intervalli (10’ tra l’una e l’altra) per permetterne l’allestimento e il disallestimento (per ogni progetto performativo è richiesta scheda tecnica e precise indicazioni dei materiali necessari, il tipo di azione, le tempistiche, il numero di attori coinvolti. Eventuali set-up ‘speciali’ dovranno essere concordati con la direzione). OtherSound – è la sezione speciale dedicata a progetti musicali di ricerca, crossover tra arte e sperimentazione sonora, una finestra che ogni giorno presenterà realtà ed esperienze che esplorano le contaminazioni dei linguaggi e dei generi musicali più underground e le potenzialità nascoste in nuovi percorsi sonori. Eventuali proposte da parte degli espositori saranno valutate e inserite nel programma di OtherSound.

The Others è promosso dall’ Associazione The Others e organizzato da Ventundodici Srl.

www.theothersfair.com

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>