Vai alla scheda dell’autore
Roberto Tarallo Giovando

"Codigo Rio de Janeiro"


codigo rio de janeiro
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 240

Formato: 22x29 cm

Data di pubblicazione: 21-02-2017

Testi di: Ruy Castro, Mario Guglielminetti, Mirko Novellati Caldera, Maria Elena Marchetti, Gian Alberto Farinella, Roberto Tarallo Giovando

Progetto e fotografie Roberto Tarallo Giovando, design grafico e impaginazione Cristina Iurissevich, traduzioni di Felipe Becker

Lingua: Italiano

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 35.00

Acquista Libro

C O D I G O   R I O   D E   J A N E I R O
fotografia contemporanea popolare

Lingua: italiano - portoghese

Roberto Tarallo racconta il codice eccitante e meticcio della città meravigliosa, Rio de Janeiro, modellando, costruendo, assemblando un volume piacevole, divertente, con elementi sociologici, politici, a carattere sperimentale, in modo da assorbire, trasmettere e condividere la bellezza di Rio. Tramite le sue immagini, i suoi testi e gli autorevoli contributi presenti nel libro, Tarallo diffonde il modello, il codice, la mappa umana della città. Racconta l’energia, i colori i sorrisi dei cittadini, incontrando gli occhi dei carioca e la loro semplice, schietta, diretta vitalità.

“(...) Tarallo disegna il percorso di una fotografia segnata dal quotidiano e svincolata da facili estetismi e mode. Vitale e sincera, essa cattura la forza positiva, l’energia e il dinamismo di una umanità veriegata e meticcia, non con l’artificio, ma con spontaneità e interesse per ogni donna o uomo incontrati, ancora prima con lo sguardo, che con l’obbiettivo della macchina fotografica. Naturalistica e popolare, la fotografia di Tarallo è un lavoro che non si esaurisce nel puro documento, bensì ha una valenza antropologica, quasi cinematografica, nel trasformare volti e situazioni d’occasione in immagini d’autore”. (Gian Alberto Farinella)

“Quando ho visto per la prima volta le foto di Roberto Tarallo mi sono detto: ‘vorrei abitare in questa città’. E solo in quel momento mi resi conto che si trattava di Rio, città che vesto come la mia pelle. Vuol dire che Roberto era riuscito a mostrarmi una città differente che è esistita prima nel suo sguardo e solo lui ha visto”. (Ruy Castro)

 

www.facebook.com/CodigoRiodeJaneiro

CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin