Vai alla scheda dell’autore
Marco Longo

"Luci Liquide"


luci liquide
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 40

Formato: 18x18 cm

Data di pubblicazione: 25-03-2016

Testi di: Emanuela Fortuna, Zaira Beretta, Emiliana Mongiat

Lingua: Italiano

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 16.00

Prezzo ebook: 2.00 €

Formato ebook: .pdf

Acquista LibroAcquista ebook


Marco Longo

LUCI LIQUIDE 

Marco Longo dipinge immagini di città plumbee e oscure che riflettono strade vuote e silenziose nell'asfalto bagnato dalla pioggia, nell'acqua delle pozzanghere, nei vetri dei palazzi. Anche le luci dei fari delle automobili, unico elemento che suggerisce la presenza dell'uomo, sono opache e avvolte nella nebbia. Il mondo urbano che viene evocato è umido, silenzioso, malinconico e ha un unico colore: il grigio. Eppure non è una pittura ferma e monocorde: le tracce lasciate dalle pennellate sicure e compatte, le mescolanze dei toni (dal nero al grigio perla) illuminate dai gialli, la lucentezza dei riflessi trasformano le immagini in superfici specchianti dentro le quali entrare e ritrovare i propri spazi quotidiani.
(dalla presentazione di Emiliana Mongiat)

Nei paesaggi urbani di Marco Longo, sempre rappresentati in atmosfera piovosa, l'acqua (e gli effetti che provoca) sono il pretesto per trasfigurare l'immagine, che rappresentata verso la parte bassa del quadro, in molti casi si rivela nel riflesso di una pozzanghera (naturalmente capovolta e soggetta alle leggi della lettura "al contrario" di tutto ciò che è rispecchiato). Sarà il segno di una pittura disincantata, consapevole di essere mera finzione? Una pittura che nonostante sia consapevole dei percorsi attuali dell'arte contemporanea, si ripropone in quanto tale, una pittura di velature e pennellate sulla tela, con le sue alchimie e tecniche segrete.  Interessante la serie dei parabrezza, dove il paesaggio si deforma seguendo il caos delle colate generate dalla pioggia, e si infiamma in prossimità delle luci delle auto proiettate e riflesse sui parabrezza. (dalla presentazione di Eleonora D.)

 

 

 

CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin