Vai alla scheda dell’autore
Edoardo Di Mauro - Togaci

"Sublimazioni - Inanima"


sublimazioni - inanima
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 56

Formato: 18x18 cm

Data di pubblicazione: 25-02-2015

Testi di: Edoardo Di Mauro, Togaci

Progetto grafico di Chiara Luzi, opere di Flavio Parente

Lingua: Italiano

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 10.00

Prezzo ebook: 2.99 €

Formato ebook: .pdf

Acquista LibroAcquista ebook

 

FLAVIO PARENTE - SUBLIMAZIONI - INANIMA
A cura di Edoardo Di Mauro e Togaci

Flavio Parente adopera il linguaggio della fotografia e, più in esteso, quello della tecnologia, per sfruttarne appieno le potenzialità di allargamento delle facoltà sensoriali, in una accezione autenticamente “estetica”, in pieno rispetto dell'etimologia del termine. La sua eclettica ed irrequieta ricerca sulle nuove frontiere dell'immagine lo porta a spaziare dalla fotografia, alla videoarte, alla regia cinematografica e documentaristica, dove l'esigenza di sperimentare si coniuga all' impegno sociale.
I suoi scatti fotografici non si manifestano come casuali e puramente documentari, ma testimoniano un'accuratezza formale mai fine a se stessa, frutto dell'importanza che l'artista dà ad un effetto finale che vuole essere il più preciso possibile. Quindi Parente coniuga una attenzione evidente ai temi del disagio individuale e collettivo, all'eclissi del sacro nella nostra dimensione sociale, con una resa estetica estremamente rigorosa ed appagante. Nei vari filoni di indagine visiva perseguiti dall'artista negli ultimi anni figurano volti umani resi con rara efficacia espressionista e senso della reatralità, adoperando i toni sfumati ed evocativi del bianco e nero ed una tecnica che si collega alla lezione delle avanguardie storiche, in particolare il fotodinamismo di Bragaglia. Una linea di ricerca recente vede Parente intento a scandagliare paesaggi, persone ed immagini, per dare conto ed evidenza della presenza della dimensione visiva del frattale. Il frattale è, in sintesi, un oggetto geometrico che si replica nella sua forma allo stesso modo su scale diverse, presente in natura. Questa evidenza viene indagata da Parente, ad esempio con immagini subacquee di rara suggestione, dove la figura umana, insieme all'oggetto, assume pose di ineccepibile regolarità geometrica. Di grande interesse anche l'ultima serie di opere.
L'artista gira per chiese e musei di Roma, sua città di residenza, alla ricerca dei significati e dei simboli riposti tra le pieghe talvolta ermetiche dei grandi capolavori del passato, in particolar modo di quei dipinti e sculture del Cinque e Seicento dove gli artisti, per aggirare le imposizioni della Controriforma, insinuavano tra i meandri della composizione tracce di un ispirazione che non poteva manifestarsi in maniera diretta, ma doveva celarsi dietro nascoste allegorie, che la tecnologia contemporanea, così abilmente adoperata da Parente, è in grado di svelare ai nostri occhi, donandoci un'autentico reincanto dell'immagine.
(dalla presentazione di Edoardo Di Mauro)



CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin