Vai alla scheda dell’autore
Viola Invernizzi

"Strawberry Statements"


strawberry statements
*clicca per visualizzare l’anteprima del libro

Pagine: 62

Formato: 20x25 cm

Data di pubblicazione: 19-06-2012

Testi di: Viola Invernizzi, progetto grafico di Elena Manzone

Lingua: Italiano

Copertina: Copertina Morbida Opaca

Prezzo libro cartaceo: 22.00

Acquista Libro

Gabriela Bodin - Irene Dioniso - Cristina Marasini - Artsiom Parchynski

Il presente volume raccoglie le interviste di quattro artisti che hanno collaborato con la Galleria Moitre fra il marzo e l'aprile del 2012. Per documentare questi progetti si è deciso di ricorrere, invece che a singoli cataloghi comprendenti le opere esposte e un testo critico che le riguardava, ad una struttura in cui fossero messi a confronto i lavori e i punti di vista di quattro artisti che utilizzano altrettanti mezzi espressivi: la pittura (Gabriela Bodin), il video (Irene Dioniso), la fotografia (Cristina Marasini) e l'installazione polimaterica (Artsiom Parchynski).

Tale scelta ha permesso di ampliare il campo della riflessione oltre la singola esposizione, nellambito di un unico progetto, quello della Galleria Moitre, incentrato sulla promozione della progettualità degli artisti dell'ultima generazione, obbiettivo al quale concorrono tutte le esposizioni allestite.

Per stimolare e consentire lo sviluppo di un percorso artistico non è sufficiente la messa a disposizione di uno spazio espositivo, ma è fondamentale il dialogo, il confronto, la comprensione del discorso del singolo artista. Per questo motivo si è scelto di sostituire a una presentazione critica vera e propria il modello dell'intervista, che è comunque un momento propedeutico alla stesura di un testo su un artista vivente. Il risultato è un commento alle immagini più vivo e dinamico, formato da una molteplicità di punti di vista e prese di posizione non solo sulle singole opere, ma anche su questioni generali legate all'uso di materiali diversi, alle scelte espositive, al ruolo dell'arte e dell'artista nella contemporaneità.

Le voci in questione appartengono sia alla categoria di artista che a quella di giovane, entrambe spesso svalutate o ignorate dalla classe dirigente odierna, sebbene siano passati ormai più di quarant'anni dalla cosiddetta "dichiarazione delle fragole" ("strawberry statement") fatta da un rettore americano riguardo alle rivendicazioni studentesche del 1968: "Non mi preoccupo delle rivendicazioni degli studenti più di quanto mi preoccupo delle fragole". The Strawberry Statement è infatti il titolo che James Simon Kunen diede al libro in cui documentava la sua esperienza nelle rivolte studentesche avvenute alla Columbia University nel 1968, e da cui venne tratto l'omonimo film di Stuart Hagmann nel 1970.

La ripresa di tale titolo, (pur se convertito al plurale per la molteplicità degli "statements" raccolti), in un contesto così diverso, vuole essere una rivendicazione della validità e dell'importanza degli interventi della nuova generazione. In tutte le interviste si percepiscono una lucidità e consapevolezza, oltre ad una carica innovativa insita in ogni ricerca artistica degna di questo nome, che rendono utili e preziosi questi incontri.

CONDIVIDI SU:
  • twitter
  • twitter
SEGUICI SU:
  • facebook
  • twitter
  • friend
  • tumblr
  • linkedin